Comune di Priverno

Toccare con mano la memoria: un percorso di avvicinamento alla storia locale attraverso l’archivio


Committente
Comune di Priverno (Latina)

Esigenza
Valorizzare il proprio patrimonio documentario

Soluzione
Avvicinare la scuola all’archivio, elaborando l’esperienza in un saggio finale


 

 

Il progetto L’archivio e la scuola: i ragazzi tra le carte. Progetto-laboratorio nell’archivio storico comunale di Priverno ha coinvolto infatti alcuni studenti dell’Istituto introducendoli al mondo della disciplina archivistica e della ricerca storica d’archivio.

La seconda guerra mondiale e l’impatto che essa ebbe sulla comunità di Priverno è stato il tema oggetto della ricerca d’archivio: l’argomento da una parte ha consentito un approfondimento in seno alla storiografia locale, e dall’altra ha permesso di avvicinare gli studenti alla conoscenza dei drammatici avvenimenti della nostra storia più recente, affinché ne acquisissero consapevolezza e memoria.

Sul tema specifico è stata prevista l’attivazione di un modulo di introduzione e approfondimento storico curato da un docente specializzato.

copertina-300x235Il progetto iniziale prevedeva la realizzazione di una pubblicazione che avrebbe ospitato i risultati del progetto stesso, articolata in: descrizione della metodologia di lavoro, approccio degli studenti e delle insegnati, frutti della ricerca condotta sulle fonti orali e su quelle documentarie d’archivio. Tale intento è stato raggiunto, ma con una piccola deroga rispetto agli accordi iniziali poiché, per esigenze interne all’amministrazione comunale di Priverno, il progetto è stato accolto in una separata sezione di una più ampia pubblicazione dedicata alle attività condotte dal Comune nel periodo 2003 – 2008.

All’inizio di ogni anno è stato fissato un calendario di lezioni con incontri pomeridiani che hanno interessato gli studenti al di fuori del consueto orario scolastico, direttamente nei luoghi della memoria.

Le prime lezioni sono state dedicate alla teoria archivistica (definizione di archivio, sua formazione e sedimentazione della documentazione, terminologia specifica, ecc.) partendo dalla consapevolezza che, per una buona ricerca d’archivio, è impossibile prescindere da tali conoscenze: un’attenzione particolare è stata infatti dedicata alla spiegazione di che cos’è un inventario, strumento di corredo fondamentale per affrontare la ricerca dei documenti all’interno di un archivio storico.

Successivamente, e sempre contestualmente alle lezioni dedicate alla teoria archivistica, i ragazzi hanno iniziato a prendere confidenza con i documenti.

ragazzi1Le prime difficoltà incontrate nella lettura di documenti redatti nella grafia del primo Novecento sono state progressivamente e piuttosto rapidamente sostituite da un più maturo e consapevole approccio. Fondamentale è stato il ricorso alle fonti orali (interviste ai sopravvissuti) che hanno permesso agli studenti di affrontare con maggiore naturalezza il tema trattato. Il riflesso di questo approccio è visibile anche nella pubblicazione finale, all’interno della quale è confluita una selezione delle interviste raccolte e dei saggi prodotti dagli studenti su alcuni temi specifici individuati dalla lettura delle carte d’archivio.

A questo punto, sembra opportuno ricordare che i capitoli della pubblicazione che ospitano i risultati del progetto finora illustrato sono il frutto del lavoro di un gruppo di giovanissimi studenti e che, pertanto, non pretendono di avere il carattere di esaustività: l’intento principale, infatti, è stato piuttosto quello di fornire un primo punto di partenza, per eventuali e auspicabili approfondimenti storiografici futuri.

È altresì doveroso precisare come nella ricerca e nell’elaborazione dei testi si è lavorato con scrupolo e rispetto delle fonti e che pertanto tutte le informazioni raccolte trovano riscontro puntuale nei documenti d’archivio, i quali sono stati sempre citati negli apparati critici dei testi.